Paura dei botti di capodanno: come comportarsi?

capodanno

Moltissimi proprietari di animali domestici sanno che il capodanno e i giorni che lo precedono possono rappresentare un momento critico per i loro amici a 4 zampe che, spaventati dal rumore provocato dai fuochi d’artificio, vengono colti dal panico.

Ecco allora alcuni accorgimenti che possono aiutarci a ridurre lo stress per i nostri animali:

  • Una buona idea è quella di chiudere porte, finestre e persiane, in modo da attutire i rumori dall’esterno; tenere la TV o anche una radio accesa a volume sostenuto, inoltre, isolerà ancora di più l’abitazione dal frastuono prodotto al di fuori.
  • Meglio evitare di portare il cane a passeggio il 31 sera, anticipare le uscite e limitarle al tempo necessario per i bisogni e, magari, adottare le stesse precauzioni anche nei giorni precedenti al 31. Durante le camminate tenere sempre ben saldo il guinzaglio e stretto il collare in modo che, in caso di rumori improvvisi causati da eventuali botti, il cane non riesca a svincolarsi e fuggire in preda al panico rischiando di farsi del male.
  • Se possibile non lasciare il cane da solo a casa, sicuramente la vostra presenza gli darà maggior sicurezza e, in tal modo, sarete presenti laddove succedesse qualcosa; fare attenzione, però, a non “rinforzare” il suo stato d’ansia rassicurandolo e coccolandolo eccessivamente, la vostra presenza al suo fianco gli sarà già di grande aiuto. Non costringetelo a stare vicino a voi ma lasciatelo libero di andare dove si sente più a suo agio e costruitegli una sorta di rifugio dove, se ne sente il bisogno, possa nascondersi. Anche fornirgli qualche passatempo di suo gradimento o giocare con lui può servire a distrarlo, ma sempre e soltanto se mostra di averne voglia.
  • Se non potete fare a meno di lasciarlo solo a casa, oltre agli accorgimenti sopra menzionati, tenetelo chiuso in un kennel se abituato o in una stanza a lui familiare, avendo cura di eliminare tutto ciò che potrebbe danneggiare o che potrebbe ferirlo.
  • Tenete bene a mente che tutti i comportamenti anomali del vostro amico, anche se possono creare danni a voi o agli oggetti in casa, sono indotti esclusivamente dalla paura e non dipendono da lui, fate quindi bene attenzione a NON arrabbiarvi con lui né punirlo, rischiereste solo di peggiorare la situazione.

 

Nei casi più drammatici, nei quali tutti questi accorgimenti non danno frutti e il malessere degli animali risulta essere eccessivo, il vostro medico veterinario può aiutarvi con dei farmaci adatti a tenerli calmi in queste particolari situazioni. Non ricorrete però ASSOLUTAMENTE ai farmaci senza la supervisione di un veterinario, potrebbe rivelarsi pericolosissimo per il vostro animale.